Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Stop al Fondo tutela per il salvataggio di 4 banche e intanto un pensionato si toglie la vita per aver perso tutti i suoi risparmi

Carmelo Barbagallo, capo della Vigilanza di Bankitalia ha affermato “per la preclusione manifestata da uffici della Commissione europea, da noi non condivisa, che hanno ritenuto di assimilare ad aiuti di Stato gli interventi del Fondo di tutela dei depositi”, Banca Etruria, Banca Marche, CariChieti e Cassa Ferrara non sono rientrate nel salvataggio e purtroppo la “risoluzione” era la scelta “meno cruenta. Con i provvedimenti di risoluzione è stata assicurata la continuità operativa delle banche in crisi, sono stati tutelati risparmi raccolti in forma di depositi, conti correnti e obbligazioni ordinari, è stata preservata l’occupazione, non sono state impiegate risorse pubbliche”. Per queste quattro banche è stato anche evitato l’attuazione del bail-in che da gennaio 2016 sarò obbligatorio. Al momento il Governo sta improntando un programma per cercare in qualche modo di andare incontro ai detentori di obbligazioni subordinate delle quattro banche e che prenderà la forma di un emendamento entro sabato che andrà ad integrare la legge di stabilità. L’obiettivo della costituzione eventuale di un fondo è quello di un intervento di welfare per chi è stato ridotto in condizioni di indigenza dalla sua perdita patrimoniale senza però andare a confliggere con la normativa europea vigente. Nel suo intervento Barbagallo ha anche precisato che prima di giungere alla decisione del 22 novembre scorso, era “emersa la disponibilità del Fondo Interbancario di tutela dei depositi a farsi carico del salvataggio delle quattro banche in dissesto assorbendo i rischi relativi ai crediti deteriorati”. L’intervento del Fondo, unitamente alle risorse apportate da altre banche, avrebbe consentito il superamento della crisi senza alcun sacrificio per i creditori delle quattro banche. Ma purtroppo nulla è stato possibile, come detto, per la preclusione della Commissione Europea. Secca la replica di Bruxelles, secondo cui per l’Unione Europea c’erano tre possibili opzioni per salvare le quattro banche italiane: innanzitutto l’utilizzo di fondi privati, in secondo luogo utilizzando il Fondo di tutela dei despoti, infine utilizzando il fondo salva-banche. Ed anzi il portavoce della Commissione ieri ha tenuto a precisare che la decisione finale è poi spettata al governo italiano. Insomma come al solito si gioca allo scarica barile e chi ci rimette sono persone semplici che hanno faticato una vita intera e d’improvviso si vedono scivolare la propria vita tra le dita. È quanto accaduto ad un pensionato di 68 anni di Civitavecchia che ha perso una vita di risparmi nel fallimento della Banca popolare dell’Etruria e del Lazio. Una vicenda triste e tragica che non sarebbe mai dovuta accadere. Ed immediati sono stati gli interventi provenienti da più parti politiche. Matteo Salvini, leader della Lega, parla di “suicidio di Stato” ed annuncia la sua presenza a Civitavecchia per incontrare i risparmiatori colpevoli solo di aver depositato i propri risparmi presso le 4 banche fallite.

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI