Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Senza scampo per i furbetti della pubblica amministrazione

Senza scampo per i furbetti della pubblica amministrazione

“È finita la pacchia per chi timbra e se ne va”. È quanto dichiarato dal premier Matteo Renzi subito l’approvazione del Consiglio dei Ministri del decreto legislativo con le nuove regole sul licenziamento dei dipendenti pubblici assenteisti.

Tutto gira intorno ai termini. Entro 48 ore il dipendente pubblico colto in flagranza deve essere sospeso dal servizio e convocato per il contraddittorio entro 15 giorni. Lo steso dipendente potrà chiedere una proroga di 5 giorni in caso di “oggettivo e assoluto impedimento”. La procedura dovrà concludersi entro e non oltre 30 giorni.

Le modifiche apportate al decreto rispetto alla versione di gennaio riguardano principalmente la duplice esigenza di garantire tempi rapidi per le decisioni disciplinari e tutelare il diritto alla difesa del lavoratore. Il dipendente, colto in flagranza e accusato di assenteismo, avrà diritto di difendersi depositando, entro 15 giorni, memorie difensive e al contraddittorio potrà farsi assistere da un legale o da un rappresentante sindacale.

Il decreto colpisce anche i dirigenti che non solo dovranno rispettare la procedura nei termini perentori prestabiliti comunicando tempestivamente l’accaduto ma saranno soggetti a sanzioni e accusati di omissione di atti di ufficio se tardano nell’avvisare la procedura di licenziamento.

Ma non terminano qui le sanzioni disciplinari previste dal decreto. A corredo è previsto anche il versamento di un importo a titolo di risarcimento danni all’immagine dell’amministrazione di appartenenza. L’importo sarà stabilito dalla Corte dei conti autorizzata ad avviare l’azione di responsabilità entro e non oltre 120 giorni dalla denuncia. Il giudice contabile dovrà attenersi a due parametri: la condanna non potrà essere inferiore a sei mensilità dell’ultimo stipendio e dovrà essere misurata sulla base della rilevanza che l’accaduto ha avuto sui mezzi di informazione

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI