Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Ricorso all’Acf: non è necessaria l’assistenza di un legale

Ricorso all’Acf: non è necessaria l’assistenza di un legale

Dopo aver esperito, senza alcun esito positivo, la fase del reclamo contro l’intermediario, il cliente può adire l’Arbitro per le controversie finanziarie mediante la presentazione di un ricorso

È bene innanzitutto precisare che il ricorso può essere presentato solo ed esclusivamente dall’investitore e non dall’intermediario, personalmente o per il mezzo di un procuratore o di un’associazione che tuteli i diritti dei consumatori. Ed infatti non è assolutamente necessaria l’assistenza da parte di un legale o di un consulente tecnico anche se, per la complessità della materia, a volte si rende necessaria la partecipazione di un esperto della materia.

Per poter avviare in maniera assolutamente autonoma la procedura del ricorso, la Consob ha previsto, registrandosi al proprio sito www. Acf.consob.it, un percorso guidato on line. Una volta effettuata la registrazione verranno create dal sistema in automatico delle credenziali di accesso che consentiranno di accedere, appunto, alla propria aria riservata attraverso cui, inserendo alcuni dati, che verranno via via richiesti, si potrà attivare la procedura del ricorso. Il sistema consente anche il caricamento di documenti, in particolare modo è necessario scansionare ed inviare il documento di identità del ricorrente e il reclamo presentato contro l’intermediario con la relativa ricevuta di presentazione.

Fino all’8 gennaio 2019 per gli investitori che non sono assistiti da associazioni o procuratori, è concessa loro la possibilità di presentare il ricorso in modalità cartacea, scaricando dal sito un modulo ed inviandolo all’Acf attraverso i tradizionali canali di trasmissione come raccomandate, pec, etc.

Entro 7 giorni dall’invio del ricorso, la Segreteria tecnica del Collegio arbitrale, valutata l’ammissibilità dello stesso, né da comunicazione all’intermediario.    

Per non incorrere in una declaratoria di inammissibilità è necessario prestare particolare attenzione alla compilazione del ricorso stesso. Soprattutto, nel ricorso, è fondamentale indicare l’oggetto della domanda ed esporre con chiarezza le ragioni a sostegno della stessa. Un ricorso, le cui fondamenta dovessero risultare per il Collegio arbitrale troppo generiche, è destinato ad essere dichiarato inammissibile. 

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI