Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Nuove regole sulla privacy

Nuove regole sulla privacy

Il Regolamento 679/2016 per la tutela del trattamento dei dati personali è stato pubblicato il 4 maggio sulla Gazzetta Ufficiale e dal 24 maggio aggiornerà le regole sulla privacy.

Gli Stati membri dell’Unione Europea avranno due anni di tempo per adeguarsi alla normativa e per incamerare nelle proprie leggi nazionali la nuova disciplina.

La Gazzetta riporta altre due normative relative alle informazioni personali. La prima riguarda la tutela dei dati personali nell’ambito delle attività investigative; la seconda la banca dati del Pnr ossia il Passenger name record che contiene tutte quelle informazioni di chi vola da e per l’Europa.

Il nuovo Regolamento modificherà in modo sensibile le attività di chi è tenuto al trattamento dei dati nei settori pubblico e privato, rendendo le stesse meno burocratiche e snellendo i requisiti formali a favore di garanzie effettive.

Il punto più importante dell’intera normativa resta la responsabilità dei titolari del trattamento. Ci sarà una vera e propria politica della privacy con valutazione dell’impatto che l’utilizzo dei dati personali può avere, con particolare riguardo per i diritti e per la libertà personale.

Rispetto alla normativa vigente, la nuova disciplina prevede un rafforzamento dei diritti dell’interessato, come ad esempio la possibilità del cittadino di richiedere l’elenco dei propri dati personali ad un’azienda e chiederne il trasferimento presso un’altra. 

Un’altra importante novità introdotta dalla nuova disciplina, è l’obbligo per le imprese con sede fuori dall’UE di rispettare, nella loro operatività in Europa, le norme introdotte con il Regolamento.

Novità anche per i big data per i quali si avrà una maggiore facilità di accesso e la portabilità dei dati favorirà di gran lunga l’aumento dei diritti, della fiducia e del diritto a informazioni chiare e comprensibili.

Un altro aspetto di primaria importanza è l’introduzione del principio della proporzionalità per evitare aggravi troppo pesanti sulle piccole e medie imprese. In caso di accesso ai dati per futili motivazioni le PMI potranno richiedere il pagamento delle spese. Aboliti anche gli obblighi di comunicazione per le imprese che non si occupano del trattamento dei dati ed eliminata la figura del responsabile della protezione dati.

Novità anche sul fronte social network. Innanzitutto la inversione dell’onere della prova in materia di trasparenza e a seguire l’innalzamento da 13 a 16 anni, con il consenso dei genitori, della possibilità di iscrizione ai social.

Con il nuovo Regolamento è stata riformata l’intera disciplina sulla privacy, non ci resta ora che sperare che l’idea, tutta italiana, di un unico codice sulla privacy venga rispettata. 

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI