Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

"L'Italia in ripresa" varata la legge di stabilità

È stata varata ieri dal Consiglio dei Ministri la legge di stabilità. Una manovra da 26,5 miliardi destinata a salire a 29,6 se ci dovesse essere il via libera di Bruxelles all’ultima clausola di flessibilità relativa all’evento eccezionale degli arrivi in massa di migranti dal Nord Africa. Ed infatti proprio al termine del Consiglio dei Ministri il premier è partito alla volta della capitale belga per il vertice Ue proprio sull’immigrazione. Ma è il fisco la colonna portante della legge, con l’addio alla tassa sulla prima casa. Dal 2016 non si effettueranno più versamenti il 16 giugno e il 16 dicembre per pagare gli acconti e i saldi di IMU e TASI. Via anche l’IMU agricola e sui beni produttivi delle imprese ancorati al suolo. Novità anche per gli investimenti privati dove ci sarà la possibilità di ammortizzare fino al 140% il costo fiscale del nuovo macchinario acquistato ma con la precisazione che gli acquisti dovranno essere effettuati dal 15 ottobre 2015 ed entro il 31 dicembre 2016. Notizie anche sul fronte pensionati, aumenta la “no tax area” (da 7.500 a 8.000). Restano confermati per il 2016 anche gli sgravi per le assunzioni stabili ma per soli due anni e ridotti al 40% del dovuto. D’altra parte però il Governo incentiva con 500 milioni all’anno la contrattazione aziendale su walfare e produttività. Confermato anche lo stanziamento di 200 milioni di euro per i rinnovi dei contratti della P.A. Ma vediamo le reazioni alla nuova legge di stabilità. Giudizio assolutamente positivo arriva da Giorgio Squinzi, leader degli industriali, presidente di Confindustria secondo il quale “da un primo esame il giudizio è positivo perché ci sono tutta una serie di punti corretti. Alcune nostre richieste sono state accolte, come gli ammortamenti al 140% per i nuovi interventi. È anche importante il fatto che non scatti la clausola di salvaguardia. Credo che non avremo nemmeno problemi con l’Europa visto che il ministro Padoan su questo punto ha lavorato molto bene”. I sindacati invece sono divisi: la CGIL da un giudizio assolutamente negativo, la CISL vede aspetti negativi e aspetti positivi la UIL ha rimandato il suo parere a quando avrà tra le mani il testo completo della legge. Ma è il premier a dare maggiore risalto a questa legge che l’ha ribattezzata “una legge di fiducia”. Una legge di stabilità che abbassa in modo sistematico, costante e sorprendente le tasse. Renzi illustra la stabilità con uno slogan ricorrente “E’ l’Italia con segno più. Il vittimismo è un ostacolo alla crescita, deve tornare la fiducia negli italiani. La ripresa va incoraggiata e spinta”. Secondo il premier “l’Italia è ripartita”. Staremo a vedere!
Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI