Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

La Federal Reserve deciderà stasera sull’aumento dei tassi

Grande fermento attorno alla chiusura della riunione di politica monetaria del Federal Open Market Committee (Comitato federale del mercato aperto, FOMC) che avverrà stasera alle 19 ora italiana, con la pubblicazione del report sui contenuti dell’incontro. Il FOMC è un organismo della Federal Reserve incaricato di sorvegliare le operazioni di mercato aperto negli Stati Uniti e ne è il principale strumento di politica monetaria; regola la politica monetaria specificando l'obiettivo a breve termine ovvero decidendo il federal funds rate, ovvero il livello dei tassi d'interesse negli USA. Come possiamo immaginare l’attenzione è alta e il mercato finanziario è in defibrillazione per la decisione della Federal Reserve che si pronuncerà oggi sulla scelta se lasciare o meno i tassi di interesse invariati. Meno di un mese fa la Fed si era pronunciata favorevolmente sulla possibilità di alzare i tassi d’interesse sostenendo che il rialzo era orami alle porte. Janet Yellen, presidente della Federal Reserve, aveva preannunciato che già ad ottobre la banca centrale americana avrebbe potuto compiere il passo verso un rialzo. Ma in realtà pare questa un’opzione a cui nessuno crede più almeno per il meeting di ottobre, mentre l’incertezza resta per il prossimo incontro che si terrà a dicembre. La banca centrale americana si trova ad essere impegnata su due fronti: da un lato valutare se l’economia sia abbastanza matura per affrontare un rialzo dei tassi e dall’altro attuare le proprie scelte senza creare scompensi sui mercati finanziari. la decisione di lasciare i tassi ai minimi storici da quasi dieci anni sarebbe dettata dal profondo sonno in cui è caduta l’economia mondiale e la grande confusione in cui versano le banche centrali mondiali nella gestione della politica monetaria. Ne è prova l’atteggiamento della banca centrale in Cina e della Banca centrale europea che hanno attuato un allentamento della politica monetaria come arma per combattere le pressioni deflazionistiche. Sulla base di queste considerazioni la maggioranza degli economisti è pronta a scommettere su un primo aumento dei tassi da parte della Federal Reserve solo nel 2016. La decisione di mantenere i tassi di interesse invariati consentirà ai mercati emergenti di prepararsi all’inasprimento della politica monetaria da parte della banca centrale americana. Non dimentichiamo che negli ultimi mesi l’economia americana è stata duramente colpita dalla debolezza all’estero, molte industrie orientate all’esportazione hanno segnato un calo significativo della produzione.

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI