Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Il mercato dei mutui è in espansione: tasso fisso o variabile?

Il 2015 sarà un anno da ricordare per il settore dei mutui che dopo quattro anni di buio, in cui domanda ed offerta erano quasi inesistenti, finalmente intravede un barlume di luce. Ed infatti è salita a +94% la percentuale delle erogazioni che comprende a dire il vero un gran numero di surroghe, ma che comunque è riuscito a smuovere il mercato agevolato anche dalle politiche di espansione della Bce. Francesco Germini, responsabile marketing privati di Credem, sottolinea “nei primi nove mesi dell’anno il Gruppo Credem di cui fa parte anche Creacasa, ha erogato 656 milioni di euro di mutui casa alle famiglie, registrando una crescita del 30% rispetto allo stesso periodo del 2014. Abbiamo lanciato due offerte: per i clienti che desiderano la certezza della rata fin dal primo istante proponiamo mutui a tasso fisso con spread a partire da 0,80% mentre per chi desidera il mutuo a tasso misto il nostro prodotto Multiswitch consente di partire a tasso variabile con spread a partire da 1,30% con la possibilità di passare in qualunque momento al tasso fisso”. Ovviamente di riflesso una scossa l’ha avuta anche il mercato immobiliare ed infatti le compravendite sono salite oltre la soglia di quattrocentomila. L’istituto bancario che in assoluto spinge verso nuove erogazioni è Intesa Sanpaolo, unico istituto a finanziare mutui oltre l’80% del valore immobiliare. Anche Deutsche Bank ha registrato una ripresa con un +54% di richieste mutuo e un +21% di erogazioni. Patrizia Zambianchi, responsabile prodotto di credito per Deutsche sottolinea come “i mutui più richiesti siano quelli con formula mista che consentono al cliente di beneficiare dell’attuale livello dei tassi e, nel contempo, valutare periodicamente l’opportunità di cambiare la struttura tasso senza alcun costo aggiuntivo”. A dare una forte spinta al mercato dei mutui ci ha pensato anche Unicredit che ha sostenuto oltre trentamila famiglie nell’acquisto della casa. Ovviamente il dubbio su come saranno in futuro i tassi per chi intende stipulare un nuovo mutuo è assolutamente lecito. Attualmente è possibile stipulare un mutuo a tasso fisso pagando meno del 3% e un variabile intorno al 1,5%. La differenza la fa il loan to value (Ltv) ossia il rapporto fra il valore del finanziamento e quello dell’immobile soggetto a ipoteca. Ovviamente più questo valore è basso maggiormente la banca è tutelata dalla garanzia sull’immobile quindi meno si chiede più la banca considera clienti sicuri e affidabili e maggiore sarà lo sconto in termini di spread. In definitiva sia il tasso fisso che quello variabile viaggiano di pari passo e ai minimi storici, questo dipende anche dal fatto che gli indici interbancari a cui fano riferimento (Euribors per il variabile e Irs per il fisso) sono ai minimi. Nonostante ciò però la clientela preferisce il tasso fisso forse perché in prospettiva futura si prevede un recupero sull’inflazione unico elemento che renderebbe il tasso fisso sicuramente più vantaggioso del tasso variabile.
Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI