Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

I professori ritornano a “casa”

I professori ritornano a “casa”

Da settembre i professori saranno avvicinati alle proprie abitazioni. È quanto stabilito ieri in un accordo integrativo sulle regole per la mobilità straordinaria per il 2016/20117 tra il Miur e i sindacarti. La legge 107, infatti, stabilisce nuove regole per la mobilità 2016/17 e molte sono le novità per i docenti che otterranno il movimento richiesto, sia territoriale che professionale, in relazione alla nuova titolarità che acquisiranno.

Per buona parte dei docenti, gli unici esclusi saranno i neo-immessi in ruolo nella fase 0 e nella fase A e coloro che non parteciperanno ai movimenti, la legge 107 prevede, infatti, la titolarità negli ambiti territoriali e non più in una specifica scuola.

Il comma 73 della legge 107, infatti, chiarisce e sottolinea che “Dall'anno scolastico 2016/2017 la mobilità territoriale e professionale del personale docente opera tra gli ambiti territoriali”, e che continueranno ad essere applicate le vecchie regole solo per i docenti assunti “nell'anno scolastico 2015/2016 mediante le procedure di cui all'articolo 399 del testo unico di cui al decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297” per i quali “continuano ad applicarsi le disposizioni del medesimo decreto legislativo in merito all'attribuzione della sede durante l'anno di prova e alla successiva destinazione alla sede definitiva”.

È utile ribadire che essere titolari in una scuola o in un ambito, rappresenta, per i docenti, una differenza decisamente notevole. La titolarità in una scuola fornisce sicuramente maggiori garanzie al docente, per quanto riguarda la certezza della sede di servizio a meno che, in caso di contrazione in organico si diventi soprannumerari. La titolarità nella scuola, inoltre, garantisce al docente l’opportunità di maturare punteggio per la continuità di servizio nella stessa scuola di titolarità, servizio prestato per la stessa classe di concorso e per la stessa tipologia di posto.

La titolarità in un ambito territoriale sarà caratterizzata invece dall’incertezza sulla scuola dell’ambito dove si lavorerà. Con la titolarità in un ambito territoriale non è chiaro se e come si potrà maturare il punteggio di continuità.

Se per i neo-immessi in ruolo in fase B e in fase C non rappresenta un cambiamento in quanto sarà per loro la prima sede di titolarità, per i docenti immessi in ruolo entro l’anno scolastico 2014/15 e, quindi, con una scuola di titolarità nel corrente anno scolastico, rappresenterà, invece, un grande cambiamento e, in un certo senso, uno stravolgimento delle regole seguite fino al 2015/16 e sulle quali si basavano le loro certezze.

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI