Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Corso di educazione finanziaria: lezione n. 4

cessione del quinto

Cari lettori siamo giunti al terzo giorno di lezione di questo corso pratico di educazione finanziaria. Ieri ci siamo lasciati con il prestito personale, oggi, invece, parleremo della cessione del quinto e della delegazione di pagamento.

Il nome stesso cessione del quinto deriva dal fatto che l'importo massimo della rata di rimborso del prestito non può superare il valore di 1/5 (cioè il 20%) dello stipendio mensile netto continuativo. Questa particolare tipologia di finanziamento è prevista nel nostro ordinamento già dagli anni ’50 ma inizialmente era riservata solo ai lavoratori dipendenti del comparto pubblico. Solo negli anni ’90 è stata diffusa anche ai lavoratori di aziende private e definitivamente con la legge 80/2005 estesa ai lavoratori parasubordinati continuativi in possesso di contratto di durata non inferiore ai

12 mesi e ai pensionati.

Ma qual è la differenza tra un prestito e una cessione del quinto?

La differenza fondamentale sta nel rimborso della rata. Mentre nel prestito tradizionale la rata viene pagata, secondo le modalità concordate, dal debitore direttamente alla banca o alla società finanziaria, nella cessione del quinto la rata viene trattenuta direttamente dal salario o dalla pensione. Quindi sarà l’azienda per cui si lavora o l’Inps/Inpdap (nel caso di cessione del quinto della pensione) a pagare la rata alla banca o alla società finanziaria. Per quanto riguarda l’importo che si può richiedere, le varianti che lo determinano sono fondamentalmente due: la durata del rimborso e l’ammontare della retribuzione o dell’assegno pensionistico. La durata della cessione del quinto va dai 12 mesi fino ad un massimo di 10 anni.

Inoltre, la cessione del quinto rappresenta uno degli strumenti più adatti per chi non riesce ad ottenere un prestito nelle modalità classiche, perché magari cattivo pagatore o perché iscritto nel registro dei protestati. È la certezza del reddito del richiedente che rappresenta per l’intermediario finanziario una garanzia sufficiente che il debito verrà saldato.

Infine, il D.P.R. 180/1950, prevede che per la cessione del quinto vi sia l'obbligatorietà della copertura assicurativa a tutela dell'intermediario finanziario che eroga il finanziamento nei casi di morte e di perdita del lavoro del debitore. Quindi sono le assicurazioni che in definitiva stabiliscono i criteri per assumere il rischio o meno delle pratiche per tipologia di cliente. I dipendenti statali hanno più facilità nell'accedere a questo tipo di finanziamento in quanto meno "rischiosi" per le assicurazioni e istituti di credito.

La delegazione di pagamento, invece, è una forma di finanziamento simile alla cessione del quinto ma concessa solo ai dipendenti pubblici e privati. Anche in questo caso del rimborso della rata se ne occupa il datore di lavoro che la trattiene direttamente dalla busta paga del lavoratore. Tale forma di prestito conferisce al dipendente la possibilità di arrivare, in aggiunta al prodotto cessione del quinto, tramite l'affiancamento del contratto di cessione e del contratto di delegazione, ad una rata complessiva massima pari al 40% dello stipendio netto (doppio quinto).

Differentemente dalla cessione del quinto, la delega di pagamento non è un diritto del dipendente e risulta subordinata all'accettazione da parte del datore di lavoro. 

Notizie: 
Notizie Formative: 
Press & Media: 
AllegatoDimensione
lezione4.pdf257.71 KB

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI