Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Corso di educazione finanziaria: lezione n. 12

Corso di educazione finanziaria: lezione n. 12

Cari lettori oggi, con questa nuova lezione, parleremo dei percorsi da seguire per inoltrare un reclamo agli intermediari finanziari prima di adire le competenti autorità giudiziarie.

Il cliente può contestare qualsiasi comportamento od omissione della banca o dell’intermediario finanziario, inoltrando un reclamo scritto. Il reclamo oramai è diventato condizione di procedibilità per attivare l’intervento dell’arbitro bancario finanziario o del nuovo Organismo per la risoluzione extragiudiziale delle controversie in materia finanziaria della Consob introdotto dall’ultima legge di Stabilità.

Il reclamo deve essere inoltrato attraverso raccomandata con ricevuta di ritorno oppure una posta elettronica certificata (pec). Sulla questione reclami la Banca d’Italia si è dimostrata particolarmente attenta e ha stabilito che le risposte ai reclami devono essere sollecite ed esaurienti. L’istituto o l’intermediario a cui il reclamo è indirizzato, infatti, dovranno rispondere entro 30 giorni. Su vari siti web delle banche è possibile trovare un’area dedicata a Reclami-Ricorsi-Conciliazione, dove vi sarà spiegato l’iter da percorrere.

Giunto il reclamo, Banca d’Italia lo esamina chiedendo all’intermediario di rispondere al cliente con celerità, completezza e precisione. Nel caso in cui la Banca ravveda comportamenti scorretti può sanzionarli. Tuttavia però non può decidere nel merito della controversia, come invece possono fare l’arbitro bancario e la competente autorità giudiziaria.

L’arbitro bancario finanziario si occupa delle controversie insorte tra clienti e banche con costi irrisori (20 euro). Le decisioni dell’arbitro non risultano essere vincolanti ma le banche tendono a rispettarle perché l’eventuale inadempienza è resa pubblica. Per l’intervento dell’arbitro è necessario aver inoltrato al proprio intermediario un reclamo.

Se il reclamo resta inesitato, può essere attivato l’Organismo per la risoluzione extragiudiziale delle controversie in materia finanziaria della Consob. Quest’ultimo, a differenza dell’arbitro, cura, in modalità assolutamente gratuita, controversie insorte per servizi di investimento tra i risparmiatori e le banche o altri intermediari.

Se, dopo aver perseguito le vie stragiudiziali, il risparmiatore non è soddisfatto non gli resta che intraprendere un ultima strada, quella giudiziale. In questo caso le decisioni del giudice sono vincolanti ed esecutive ma ovviamente bisognerà attendere i lunghi tempi della giustizia italiana. 

Notizie: 
Notizie Formative: 
Press & Media: 
AllegatoDimensione
lezione12.pdf210.29 KB

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI