Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Appesantito il calendario fiscale 2017

Appesantito il calendario fiscale 2017

Guai in vista per i contribuenti con il nuovo calendario fiscale le cui modifiche sono in questi giorni al vaglio della manovra di bilancio.

Unica nota positiva è la suddivisione del tax day del 16 giugno in due tranche, con lo slittamento a fine mese della prima rata dell’acconto Iperf, Ires ed Irap.

Un sospiro di sollievo per famiglie e imprese che pagando 0,40% in più avranno la possibilità di pagare entro il 30 luglio, quindi un mese e mezzo dopo rispetto alla prima rata dell’Imu e della Tasi che resta ferma al 16 giugno.

Tuttavia come spesso accade, ci hanno abituato alla teoria del bastone e della carota, per cui da un lato c’è lo sdoppiamento del tax day ma dall’altro gli emendamenti al Decreto legislativo 193/2016 (decreto fiscale) ampliano il calendario delle scadenze previste per il 2017, aggiungendone delle nuove a quelle già previste.

La questione Iva è quella che potrebbe produrre più problemi. L’invio trimestrale di fatture inviate ed emesse con la possibilità di un primo invio su base semestrale e con diminuzione di sanzioni per errori e/o lacune di comunicazioni, è stato soltanto lievemente smussato.

Non dimentichiamo poi che il 31 maggio è prevista la comunicazione trimestrale sulle liquidazioni Iva. Lo scopo principale di questa misura è quello antievasione, per diminuire la distanza temporale tra dichiarazione e versamenti, in maniera tale da avere sin da subito a disposizione i dati su cui poter lavorare.

Tuttavia l’elevato numero di obblighi di comunicazione ha sollevato non poche polemiche da parte sia dei sindacati che del Consiglio Nazionale dei commercialisti

Infatti il mese di luglio sarà per i commercialisti particolarmente pesante, nell’arco di una settimana si concentreranno 5 adempimenti delicati. Oltre alla chiusura dei 730 il cui invio è stato prorogato al 24 luglio per i contribuenti che hanno deciso di regolarsi in proprio e per i Caf che abbiano già inviato entro il 7 luglio l’80% dei modelli, i professionisti del settore saranno chiamati a gestire l’inoltro delle istanze della voluntary disclosure in versione 2.0, l’invio del modello 770 per i sostituti d’imposta

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI