Trovaci su:          

chiama il numero verde 800858444

Alla ricerca del titolare effettivo dell’operazione

Quanti agenti in attività finanziaria hanno avuto tra le mani la famosa scheda antiriciclaggio per identificare il titolare effettivo dell’operazione? Praticamente tutti! Ora il problema non si pone quando titolare dell’operazione è un singolo soggetto, persona fisica. La questione diventa delicata e complicata, data anche la riluttanza dei clienti a dare adeguate spiegazioni in materia di verifica antiriciclaggio, quando l’identificazione riguardi le società. In particolare si pone il problema se nel caso in cui più soggetti (non persone fisiche) partecipino al capitale della società-cliente o comunque abbiano una percentuale dei diritti di voto superiore al 25%, ebbene in questo caso si pone l’interrogativo: l’individuazione del titolare effettivo del cliente è da ricercarsi in ciascuno dei citati soggetti? Spesso capita che la società-cliente si rifiuti di comunicare alla banca il titolare effettivo dell’operazione, ritenendo che questa individuazione spetti alla banca stessa. La motivazione del rifiuto da parte del cliente è da ricercarsi nella convinzione che titolare effettivo è la maggioranza assoluta della società, ritenendo quindi non necessaria l’individuazione di tutti i soci che controllino una partecipazione eccedente il 25% del capitale della società. D’altra parte si ritiene che la semplice presentazione di documentazione che provi la struttura societaria non sia sufficiente per il controllo e le verifiche così come stabilite dalla legge. A rafforzare questo punto un provvedimento di Banca d’Italia datato aprile 2013, che conferma che, ai fini dell’individuazione del titolare effettivo, la verifica si estenda a tutte le persone fisiche che hanno il possesso o il controllo diretto o indiretto di una percentuale superiore al 25% del capitale sociale o dei diritti di voto nella società-cliente. La richiesta della banca al cliente di sottoscrivere un apposito documento nel quale il cliente individui il titolare effettivo dell’operazione trova riscontro nel decreto legislativo 21 novembre 2007 n. 231 secondo cui il cliente è tenuto a fornire per iscritto e sotto la sua responsabilità le informazioni necessarie e aggiornate di cui sia a conoscenza. In definitiva possiamo terminare affermando che l’individuazione del titolare effettivo è da estendersi all’intero assetto societario, ciò lo si evince anche dalla giurisprudenza dell’ABF secondo la quale non è detto che la presenza di un socio di maggioranza assoluta escluda la ricorrenza della qualifica di titolare effettivo anche in capo a quei soci che possiedono una percentuale minore ma comunque eccedente la soglia normativa convenzionale.

Notizie: 
Press & Media: 

Scegli la soluzione più adatta a te!

Dipendente pubblico

dipendente pubblico

Sei un dipendente di un ente pubblico, locale o territoriale e vuoi ottenere un prestito in modo semplice, veloce ed a condizioni vantaggiose? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente statale

dipendente statale

Sei un dipendente statale e hai la necessità di richiedere un prestito rimborsabile mediante trattenuta diretta su busta paga? Richiedi maggiori informazioni a Synthesis.

CLICCA QUI

Dipendente privato

dipendente statale

Sei un dipendente a tempo indeterminato di una società privata o una società di capitali con partecipazione di un ente pubblico e vuoi richiedere un finanziamento veloce, comodo e facile da rimborsare? Invia i tuoi dati a Synthesis, sarai ricontattato immediatamente e ti sarà inviata una proposta personalizzata.

CLICCA QUI

Pensionato

pensionato felice

Sei un pensionato INPS, INPS Gestione Ex INPDAP, ENPAM, ENASARCO o di altro ente previdenziale? Puoi accedere al credito Synthesis! Richiedi maggiori informazioni.

CLICCA QUI